Formazione continuaLifelong Learning

Pensare il cristianesimo III - La rivelazione dell'incontro. L'arte si fa contemporanea

Tipologia:
Alta formazione
Area tematica:
Education & Social Work
Settore professionale:
Scuola, università, ricerca

Luogo:
Brescia - Online

Da: 14/04/2023
A: 12/05/2023

Scadenza iscrizioni: 06/04/2023

Il corso offre l'opportunità di "toccare con mano" il patrimonio culturale bresciano, attraverso attività didattiche mirate presso il Museo Diocesano di Brescia e la Collezione Paolo VI-arte contemporanea di Concesio.
Il corso pone come punto di partenza l'opera d'arte, la quale spesso è collocata dall'insegnante in modo strumentale rispetto alle conoscenze che vuole trasmettere: si sceglie un concetto e per esprimerlo ci si serve di dipinti, sculture o installazioni. L'obiettivo del corso è invece quello di disporsi in ascolto dell'opera d'arte per lasciarsi istruire dalla sua forma. Quale rapporto tra la parola e il colore? Quale rapporto tra la parola e l'organizzazione dello spazio? Quale altro linguaggio stimola l'arte?
Alla riflessione critica sull'opera d'arte, nei suoi risvolti di segno e significato, mirano sia le attività d'aula sia le visite in esterno, che privilegiano l'incontro diretto con l'opera, esperienza unica e personale d'incontro, capace di muovere i sensi per rivelarci l'artista e il suo mondo, sotto una "luce" che di volta in volta si rinnova, e al tempo stesso come la rivelazione vada oltre l'artista per essere l'accadere di un mistero di generazione, capace di interrogare la realizzazione di sé e il carattere promettente della vita.
La disseminazione di significato dell'opera è in particolar modo resa possibile dalla sua irruzione in una determinata epoca, modificando i paradigmi condivisi. Questa capacità di irrompere e rifigurare è il dinamismo che rende l'arte "contemporanea". L'arte antica è stata contemporanea e torna a essere contemporanea quando dona nuovi spazi di interpretazione e quando si lascia ripensare attraverso le nuove categorie proprie di un'arte appena sorta.
L'arte è la via per tornare a domandarci che cos'è il nostro corpo e le chiese sono i luoghi nei quali la bellezza e l'incanto delle forme sensibili stimolano il corpo a prendere coscienza della sua capacità di cogliere il pensiero contenuto in esse. L'arte è la via per permettere di comprendere il significato che la vista, l'udito, l'olfatto, il gusto e il tatto sprigionano ogni volta che sono a contatto con un oggetto.
Si rende necessaria un'educazione dei sensi in ordine alla qualità spirituale che essi stessi sono. I sensi non sono soltanto luoghi di emozioni, stimoli ed eccitamento, sono l'accadere della sensibilità umana, grammatica di quell'intelligenza che costruisce cultura vivente, come la stessa fede cristiana lo è nella vitalità del suo Signore che abita la sua Chiesa per mezzo dello Spirito.

Richiedi informazioni

Destinatari

  • Insegnanti di Religione Cattolica
  • Insegnanti di ogni ordine e grado
  • Interessati al tema

Vantaggi

  • La qualità della proposta che unisce alla preparazione scientifica in campo teologico una comprovata competenza professionale nel campo dell'insegnamento
  • Il taglio decisamente esperienziale e la trasmissione di un metodo
  • La scelta di un numero non eccessivo di ore per favorire l'accesso a tutti
  • La possibilità di seguire il corso in presenza o online
Avvalersi di una formazione universitaria sulla cultura e sulla teologia cristiana risulta essenziale per la professionalità dei docenti e non solo, tanto più in un contesto interculturale e interreligioso come quello attuale.

Obiettivi

  • Imparare a decodificare gli alfabeti della tradizione occidentale, mostrando la forza e la bellezza creativa del cristianesimo nella sua capacità di generare cultura
  • Disporre di iniziali competenze nell'affrontare temi e questioni di carattere religioso, soprattutto all'interno dei processi formativi della scuola italiana

Programma

Il corso si sviluppa in 5 incontri, fruibili online o in presenza:

  • Venerdì 14 aprile 2023 - dalle ore 17.30 alle ore 19.30
    Dire la rivelazione

    Università Cattolica del Sacro Cuore, via Garzetta 48 - Brescia
    Docenti: Alberto Cividati, Michela Valotti
    L'introduzione al percorso formativo è pensata per avviare una prima riflessione sull'intreccio dell'estetica teologica con i codici interpretativi che strutturano la storia dell'arte. Gli interventi dei singoli relatori espongono aspetti di carattere contenutistico e metodologico per iniziare a leggere il rapporto tra l'arte e il sacro in ordine all'educazione al patrimonio culturale, esercitando l'apparato concettuale attraverso esemplificazioni attinte dal panorama artistico locale e internazionale, tra preistoria e contemporaneità.
    Il titolo del corso dice che la rivelazione accade in un incontro. La tradizione ha ereditato l'epistemologia di Platone e ha pensato la rivelazione nel solo momento teologico, cioè nella sola azione che Dio rivolge all'uomo. Se la rivelazione è l'evento di Dio, all'uomo rimane solo la fatica
    di dire ciò che mai riuscirà a dire nella sua autenticità e compiutezza. Risulta necessario mostrare l'epistemologia biblica della rivelazione che non propone il solo momento teologico a essere costitutivo, bensì la reciprocità del momento teologico e del momento antropologico: la rivelazione è tanto più di Dio tanto più è dell'uomo. Questo passaggio viene costruito attraverso una riflessione sulla categoria di "ispirazione".
    Il tema, in particolare, del "velo nell'arte", affrontato attraverso un approccio critico che indaga tanto le sue declinazioni figurative, quanto le sue implicazioni simboliche, consente un primo brainstorming sullo status epistemologico della disciplina, attraverso esemplificazioni che spaziano dalla "vera immagine" della Veronica ai tagli di Fontana. Puntuali rimandi di senso tra opere di epoche diverse, offrono l'opportunità di verificare la provocazione dell'artista Maurizio Nannucci, secondo cui "tutta l'arte è stata contemporanea" a ribadire il qui e ora di una "rivelazione" che si fa presente, a ogni sguardo, nella fruizione del riguardante.

  • Venerdì 21 aprile 2023 - dalle ore 17.30 alle ore 19.00
    Sensibili all'incontro. Heidegger, Calvino, Ronchi

    Università Cattolica del Sacro Cuore, via Garzetta 48 - Brescia
    Docente: Alberto Cividati
    L'incontro che accade nell'esperienza dell'opera d'arte viene illustrato attraverso un dialogo tra Martin Heidegger, Italo Calvino e Rocco Ronchi. Non è possibile ridurre il significato di un lavoro artistico alla sua descrizione, seppure ben fatta nella cura del minimo dettaglio del codice espressivo, del contesto e della biografia dell'autore. L'opera d'arte si stacca dall'artista e diventa una riserva inesauribile di significati: la sensibilità dell'osservatore viene toccata e si costruiscono nuovi paesaggi, del desiderio, della promessa, di un'epoca, del sé. Questi paesaggi non si limitano a essere semplice visione, ma si fanno cultura, circolano, edificano la comunità.
    Questo dinamismo che l'opera innesca ci porta nel cuore del sacro, nel cuore della forza devastante e generativa degli affetti, proprio a partire dalla sua caratteristica di essere la rappresentazione dell'irrappresentabile, di essere un'apertura verso ciò che non si lascia afferrare, trattenere e dominare.

  • Venerdì 28 aprile 2023 - dalle ore 17.30 alle ore 19.00
    Le icone degli &'1057;&'1058;&'1040;&'1056;&'1054;&'1042;&'1045;&'769;&'1056;&'1067;. La teologia dei vecchi credenti

    Museo Diocesano, via Gasparo da Salò 13 - Brescia
    Docente: Alberto Cividati
    Nel tentativo di valorizzare la propria collezione di icone russe il Museo Diocesano di Brescia ha progettato, avvalendosi degli studi e delle ricerche di Emanuela Fogliadini, la costruzione del nuovo allestimento museale per aree tematiche, ognuna delle quali corrisponde a un "capitolo" della teologia. In particolare: la Trinità, Cristo, la Madre di Dio, le Grandi Feste, i Santi e il Calendario liturgico. La collezione presenta delle peculiarità che non si trovano generalmente nelle icone più celebri conosciute in Occidente. Le icone della collezione, con soggetti trattati in modo talvolta non canonico e sovente originale, svelano tutta la ricchezza, la complessità e talvolta anche le contraddizioni di un'iconografia più popolare e meno sorvegliata dal punto di vista teologico.
    L'appuntamento prevede una duplice modalità di fruizione. Per chi frequenta in presenza è prevista l'uscita didattica presso il Museo Diocesano di Brescia, così da poter visitare la collezione di icone e le altre esposizioni in programma per quel periodo in occasione di Bergamo-Brescia Capitale della Cultura 2023. Per chi segue a distanza l'attività è condotta da remoto dal docente: le icone scelte per il nuovo allestimento costruiscono una specifica prospettiva teologica. Viene studiato inoltre un confronto tra le icone e la pittura monocroma, evidenziando il rapporto dialettico tra l'arte antica e l'arte contemporanea.

  • Venerdì 05 maggio 2023 - dalle ore 17.30 alle ore 19.00
    Velare, s-velare, ri-velare. Gli accadimenti del sacro

    Università Cattolica del Sacro Cuore, via Garzetta 48 - Brescia
    Docente: Michela Valotti
    In continuità con i contenuti affrontati nelle date precedenti, la lezione mira ad approfondire le relazioni tra passato e presente nella produzione figurativa, che si manifesta e si sostanzia di circuiti, stratificazioni e rimandi di senso, volti ad annullare, secondo gli orientamenti critici degli ultimi decenni, le etichette valoriali che distinguono i capolavori dalle manifestazioni epigoniche o, ancor più, dalla produzione "minore" e dall'artigianato. Il fil rouge è garantito dalla costante attenzione al tema del rapporto tra visibile e Invisibile, secondo il messaggio montiniano, per cui il ruolo del poiein è appunto quello di ri-velare il Logos, rendendo accessibile il Mistero.

  • Venerdì 12 maggio 2023 - dalle ore 17.30 alle ore 19.00
    Educare la sensibilità per educare alla spiritualità

    Docente: Michela Valotti
    L’appuntamento prevede una duplice modalità di fruizione.
    Per chi frequenta in presenza, è prevista l'uscita presso la Collezione Paolo VI-arte contemporanea di Concesio (www.collezionepaolovi.it), utile ad accostare il ricchissimo patrimonio materiale e immateriale lasciatoci in eredità dal Santo Papa Paolo VI. La visita sarà anche l'occasione per
    partecipare al laboratorio creativo La parola protagonista che mette a tema l'opera di Emilio Isgrò, Il vitello d’oro (2007).
    Per chi segue a distanza, l'attività, condotta da remoto dal docente, affronta alcuni dei passaggi artistici più interessanti offerti nell'ambito del rapporto tra arte e spiritualità nella contemporaneità,con rimandi opportuni alle opere della Collezione concesiana.

Bibliografia
G. Angelini, P. Sequeri, A. Bertuletti, La rivelazione attestata, Glossa, Milano (1998); A. Bortolotti, M. Calidoni, I. Mattozzi, Per l'educazione al patrimonio culturale. 22 tesi, FrancoAngeli, Milano (2008); P. Bovati, «Così parla il Signore», EDB, Bologna (2008); I. Calvino, Perché leggere i classici, Mondadori, Milano (1995); E. Christillin, C. Greco, Le memorie del futuro. Musei e ricerca, Einaudi, Torino (2021); L. Corrain, Il velo dell'arte. Una rete di immagini tra passato e contemporaneità, La Casa Usher, Firenze-Lucca (2022, nuova ed.); C. De Carli (a cura di), "Guarda con me"”. Educare attraverso l'arte, in “Linea Tempo. Itinerari di storia, letteratura, filosofia e arte”, Nuova Serie (2013), vol. 21 (2020); R. Guardini, L'opera d'arte, Morcelliana, Brescia (1998); M. Heidegger, Holzwege, Bompiani, Milano (2002); R. Ronchi, Il pensiero bastardo, Christian Marinotti, Milano (2001); P. Sequeri, Il sensibile e l'inatteso, Queriniana, Brescia (2016); P. Sequeri,
Ritrattazioni del simbolico, Badia Primaziale Pontificio Istituto Sant'Anselmo, Roma - Cittadella, Assisi (2012); G. Trabucco, Poetica dell’ispirazione. Un quadro teorico di ripensamento, «Teologia» 41 (2016) 562-584; T. Verdon, L'arte cristiana in Italia, 3 voll., San Paolo Edizioni, Torino (2005-2008).
Ulteriori spunti bibliografici verranno forniti durante il corso.

Faculty

Iscrizioni

Il corso di formazione Pensare il cristianesimo III, di cui fa parte questo corso, è suddiviso in 3 moduli. E' possibile iscriversi a uno solo o a più percorsi. Sarà necessario effettuare una nuova iscrizione per ciascun modulo a cui si intende partecipare.

Iscrizioni online entro il:
25 ottobre 2022 (ore 23.59) per usufruire della quota agevolata
6 aprile 2023 (ore 23.59) per la quota intera
o fino ad esaurimento posti. Posti disponibili 50 in presenza, 80 online.
L'iscrizione deve essere perfezionata prima possibile con il pagamento.

Modalità di pagamento:

  • Carta di credito dalla pagina web delle iscrizioni online
  • Bonifico bancario intestato a: Università Cattolica del Sacro Cuore, Banca Intesa Sanpaolo filiale 01984 IBAN IT81Z0306911210100000062394, indicando il nominativo del partecipante e il titolo del corso sulla causale del versamento.
  • Carta del docente: generare un buono come esercente fisico dal sito 'Carta del docente', selezionando l'opzione 'Corsi aggiornamento Enti accreditati/qualificati ai sensi della direttiva 170/2016'. Durante la procedura di iscrizione online verrà richiesto di inserire il codice del buono.

Inviare buono in PDF o ricevuta del bonifico bancario alla Segreteria del corso, formazione.permanente-bs@unicatt.it, per perfezionare l'iscrizione.

Per iscriversi è necessario cliccare su "iscriviti" (si consiglia l'utilizzo di Firefox e Google Crome come Browsers).

Rimborso e recesso
La quota di iscrizione non è rimborsabile, se non in caso di non attivazione del corso per mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti, e comunque nei termini previsti dal Regolamento generale d'iscrizione ai corsi al presente link: https://formazionecontinua.unicatt.it/formazione-modalita-di-attivazione-recesso-e-rimborsi


E' possibile iscriversi pagando la quota agevolata solo perfezionando l'iscrizione con il pagamento entro il 25/10/2022.


30.00 Quota intera per iscrizioni dal 26/10/2022 al 6/04/2023
25.00 Quota ridotta per iscrizioni entro il 25/10/2022

Partner

Diocesi di Brescia - Ufficio Scuola

Info e Contatti

Università Cattolica del Sacro Cuore
Formazione Permanente
Via Garzetta 48 - 25133 Brescia
formazione.permanente-bs@unicatt.it; tel. 0302406504